Articoli

Prevenzione infortuni in preparazione

Oggi l’informazione sugli aspetti medico sportivi degli infortuni nel calcio e’ inconsistente e lontana
dall’essere completa e cio’ e’ dovuto dall’ uso di noi tecnici di diverse metodologie applicate per
risolvere questo problema.
I piu’ grandi fattori di rischio rilevati sono dovuti agli infortuni precedenti e alle riabilitazioni
inadeguate e accelerate per riavere il prima possibile la disponibilita’ dell’atleta a 360°.
Il piu’ grande fattore di rischio sembra essere il gioco falloso che causa all’incirca
il 30% degli infortuni.
Inoltre sottolineo che una preparazione inadeguata, un allenamento o un riscaldamento per cosi
dire “fatto male “aumentano la percentuale di infortunio.
Oggi i risultati portano l’ipotesi che i giocatori meglio preparati fisicamente e mentalmente possono
sopportare lo stress  fisico del gioco riducendo il rischio di infortunio, questo evidenzia che la percentuale
aumenta in caso di gioco falloso.
Abbiamo bisogno di programmi di prevenzione per ridurre la percentuale di infortuni che negli ultimi
anni sono aumentati perche’ diminuiscono i tempi di recupero tra le gare e anche perche’ siamo
spettatori di un calcio sempre piu’ veloce e ricco di movimenti esplosivi aumentando
le sollecitazioni dell’atleta.

Dati alla mano la forza muscolare e la potenza anaerobica sono variabili che influenzano le prestazioni
neuromuscolari nel calcio.
Nonostante le numerose contraddizioni in letteratura si puo’ supporre che la forza muscolare e
l’equilibrio giocano un ruolo primario nel campo delle lesioni acute.
Sono stati fatti degli studi per valutare i livelli di forza e potenza nella fase precampionato in
giovani atleti di squadre professioniste con eta’ compresa tra i 18 e i 20.

I giocatori hanno effettuato test isocinetici ,sia agli estensori che ai flessori utilizzando contrazioni
concentriche ed eccentriche.
Le prestazioni funzionali sono state fatte mediante squatjump e sprint sui 10 metri.
Di 36 giocatori , 23 mostravono squilibri muscolari ( 64% )
Oggi e’ assolutamente importante mettere in atto il rafforzamento della muscolatura antagonista
in modo da concentrarsi sui squilibri muscolari.
Un tale intervento potrebbe dare beneficio sia sugli atleti che hanno subito lesioni che pure su giocatori illesi.
Sarebbe opportuno un coinvolgimento totale a formatori,preparatori e staff medici che operano
su una societa’ che intende programmare, investire sui giovani e preservare la salute di ogni atleta
che a sua volta e’ patrimonio societario.

Organizzazione:
A) Individuare il carico
B) Monitorare il carico
C) Specificita’ del ruolo
D) Allenamento specifico su vari distretti muscolari

Metodi di lavoro:
A) Piani instabili
B) Core stability
C) Forza eccentrica
D) Allenamento della forza funzionale

Piani instabili :
Sia bipodalici che mono, per la riduzione di traumi articolari attraverso l’incremento dell’attivazione dei
recettori muscolari e articolari.
Core stability :
Ottimizza il trasfer di forza che dai distretti superiori si trasferisce a quelli inferiori e viceversa,
ottimo per prevenire pubalgie, problemi tendinei e patologie da sovraccarico generale.
Forza eccentrica :
Per l’allenamento sia delle catene muscolari che dei singoli distretti
Allenamento della forza funzionale :
Il concetto di fare muovere il corpo su tutti gli assi e rotazioni e’ oggi l’avvicinamento degli esercizi sempre
piu’ simili a movimenti di gara.
In quale periodo:
A) Preparazione precampionato
B) Periodo agonistico
C) Pause di transizione

Obiettivi precampionato:
Strutturare gli allenamenti sia sotto gli aspetti condizionale che coordinativi per l’evoluzione della performance
dell’atleta attraverso l’incremento di sedute personalizzate pre o post allenamento.
Obbiettivi periodo agonistico
Potenziamento e attivazione di muscoli stabilizzatori con carichi differenti da quelli del precampionato
con sedute sia specifiche che rigeneranti.
Obiettivi pause di transizione Compensare le problematiche specifiche del calciatore tramite un metodo
diretto e allenante.

 

Salvatore Sciuto
Preparatore Atletico Ac ChievoVerona

Top

Lascia un commento

Required fields are marked *.


Top

Rimaniamo in contatto.

Lasciaci il tuo indirizzo mail e sarai aggiornato in anteprima.