Articoli

Sali & Sport

Abbiamo visto nel precedente articolo che gli atleti, sudando copiosamente, possono perdere grandi quantitativi di acqua che deve essere costantemente reintegrata.

Ma il sudore contiene anche molti importanti sali minerali.

Nel nostro organismo i minerali sono 22 e nell’insieme rappresentano i 4% del nostro peso corporeo; sono nutrienti essenziali che partecipano attivamente alla regolazione di molte funzioni fisiologiche ed entrano nella costituzione dei tessuti corporei:

  • Intervengono attivamente nel trasporto dell’ossigeno alle cellule
  • Intervengono nella contrazione muscolare
  • Aiutano il corretto funzionamento del sistema nervoso centrale
  • Sono presenti in grandi quantità nello scheletro e nei denti
  • In percentuali più basse si trovano anche nei fluidi corporei e in tutte le cellule

 

È intuitivo il motivo per cui nelle gare prolungate sia imperativo bere molta acqua o, meglio ancora, bibite isotoniche che contengono la giusta quantità di sali minerali perché formulate con una concentrazione salina simile a quella delle cellule.

 

Ma il riequilibrio salino di deve ottimizzare anche con l’alimentazione: una dieta sana, varia e ricca di frutta e verdura permette agli atleti (ma non solo) di non avere carenze nutrizionali.

Gli integratori di vitamine e minerali che spesso vengono usati in modo sconsiderato dagli sportivi non hanno ragione di esistere se la dieta è completa ed equilibrata: con un po’ di attenzione è semplice coprire le necessità minerali anche negli sportivi; gli integratori dovrebbero essere utilizzati solo in caso di effettive carenze dimostrate, dovute a mancato assorbimento da parte dell’organismo.

Inoltre, ogni sovradosaggio di sali minerali viene smaltita dall’organismo costringendo i reni a un turno di lavoro forzato.

Ecco i minerali più importanti per gli sportivi:

  1. Calcio: è il più abbondante: rappresenta il 40% della quantità totale di minerali presenti nell’organismo. È importante per la formazione e la solidità delle ossa e dei denti, ma è fondamentale anche per la trasmissione degli impulsi nervosi, per la contrazione delle fibre nervose e la coagulazione del sangue. La dose giornaliera deve essere raggiunta con il corretto bilanciamento degli alimenti, escludendo la quota che può essere apportata dal consumo di acqua calcica: il calcio nell’acqua è meno assorbibile di quello presente nel latte e nei latticini.
  2. Ferro: componente essenziale dell’emoglobina, responsabile del trasporto di ossigeno a tutte le cellule. La carenza viene definita anemia e si manifesta con un senso di fatica, più accentuata negli allenamenti intensi. Presente nelle uova, nelle carni, nelle frattaglie e nei salumi.
  3. Magnesio: importante perché coinvolto nell’attività muscolare e nella sintesi delle proteine. Abbondante nei crostacei, nelle uova, nelle carni, nei legumi e nei vegetali integri.
  4. Potassio: facilita la contrazione muscolare e regola il bilancio idrico. Ricco nelle leguminose, nella carne e nella frutta.
  5. Sodio e cloro: regolano il bilancio idrico dell’organismo.

 

Dr.ssa Amira Beccheroni
Biologo Nutrizionista

Top

Lascia un commento

Required fields are marked *.


Top

Rimaniamo in contatto.

Lasciaci il tuo indirizzo mail e sarai aggiornato in anteprima.